tesi e progetti di ricerca 2021_SOMA

Efficacia degli interventi osteopatici nel dolore cervicale non specifico: una revisione sistematica

Effectiveness of osteopathic interventions in non-specific neck pain: a systematic review

Tesi: Cristini Loris Mauro
Relatore Dott. Dal Farra Fulvio DO MROI
Correlatori: Buffone Francesca DO, Risio Roberta DO
2020-2021

Riassunto

Introduzione
Nella propria vita, circa il 70% della popolazione potrà manifestare la cervicalgia. La cervicalgia si può classificare in base alla durata dei sintomi: acuta (fino a 7 giorni), subacuta (da 7 giorni a 3 mesi), cronica (più di 3 mesi).Il dolore cronico cervicale è una spiacevole esperienza sensoriale ed emotiva che condiziona negativamente il comportamento e la vita quotidiana dell’individuo che subisce ripercussioni sulla sfera famigliare e professionale, inoltre il dolore cervicale risulta una condizione economicamente dispendiosa nella popolazione adulta.
Questo studio ha l’obiettivo di creare una revisione sistematica della letteratura scientifica sull’efficacia del trattamento manipolativo osteopatico (OMT), valutando disabilità e dolore pre e post trattamento, in pazienti affetti da dolore cervicale cronico (CNP)
Materiali e metodi
Questa revisione sistematica è riportata secondo i Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyses (PRISMA). È stata condotta una ricerca bibliografica per indagare l’efficacia dell’OMT sul dolore e la disabilità nei pazienti con NS- CNP, i database utilizzati sono stati i seguenti: Pubmed, Cochrane, Embase, PEDro, Science. Sono stati analizzati statisticamente i seguenti dati: età media dei soggetti, genere, tipologia di terapie utilizzate e scala di disabilità o di dolore utilizzata per ottenere gli outcome pre-intervento e nell’immediato post-intervento.
Risultati
Abbiamo identificato 3029 articoli e lo screening ci ha portato a selezionarne 15 che soddisfacevano tutti i criteri di inclusione. Nell’86% degli studi abbiamo rilevato un P value <0,05, ottenendo così dei miglioramenti con significatività statistica negli outcome di disabilità e di dolore.
Discussione: Dai risultati possiamo dedurre che l’OMT è una scelta terapeutica da considerare per il NS-CNP. Non utilizzando esami strumentali e basandosi sulla palazione dobbiamo considerare un certo grado di varaibilità. Per questo motivo l’osteopatia necessità di ulteriori ricerche ed evidenze scientifiche.
Conclusione
In questa analisi possiamo trovare dei risultati interessanti a vantaggio dell’OMT nel NS-CNP. Si è creata quindi una base di risultati che sarà analizzata per completare la revisione sistematica della letteratura scientifica.

Abstract

Introduction
In their own lives, about 70% of the population will have cervicalgia. Cervicalgia can be classified according to the duration of symptoms: acute (up to 7 days), subacute (from 7 days to 3 months), chronic (more than 3 months). Chronic cervical pain is an unpleasant sensory and emotional experience that negatively affects the behavior and daily life of the individual who suffers repercussions on the family and professional sphere, moreover cervical pain is an economically expensive condition in the adult population.
This study aims to create a systematic review of the scientific literature on the effectiveness of osteopathic manipulative treatment (OMT), evaluating disability and pre- and post-treatment pain, in patients suffering from chronic cervical pain (CNP).
Materials and methods
This systematic review is reported according to the Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyzes (PRISMA), the databases used were the following: Pubmed, Cochrane, Embase, PEDro, Science. The following data were statistically analyzed: average age of the subjects, gender, type of therapies used and disability or pain scale used to obtain pre-intervention and immediate post-intervention outcomes
Results
We identified 3029 items and the screening led us to select 15 that met all the inclusion criteria. In 86% of the studies we found a P value <0.05, thus obtaining improvements with statistical significance in disability and pain outcomes.
Discussion
From the results we can deduce that OMT is a therapeutic choice to be considered for NS-CN. Not using instrumental examinations and based on the palation we must consider a certain degree of varaibility. For this reason osteopathy needs further research and scientific evidence.
Conclusion
In this analysis we can find interesting results for the benefit of OMT in the NS- CNP. A basis of results has therefore been created that will be analyzed to complete the systematic review of the scientific literature.