Lettera dal Presidente ROI

Lettera dal Presidente ROI

ROI Registro degli Osteopati d’Italia

22 Marzo 2018

Carissimi,
mi fa piacere darvi un breve aggiornamento dopo le elezioni politiche che hanno portato e porteranno in queste settimane a un nuovo assetto di governo con conseguente cambiamento dei nostri referenti istituzionali.
L’attività inerente il nostro processo di riconoscimento prosegue, grazie alla permanenza in carica dei dirigenti responsabili dei Ministeri per l’attuazione della legge 3/2018 e alla prosecuzione del dialogo trasparente e collaborativo che abbiamo avviato in questi anni. In particolare, in queste settimane il Ministero della Salute sta lavorando per poter formulare la proposta di profilo professionale da sottoporre alla categoria e, successivamente, da formalizzare, sentito il parere della conferenza Stato-Regioni e del CSS, come previsto dalla legge.
L’iter prevede che successivamente il profilo professionale sia trasmesso al MIUR, che con il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) si occuperà della parte formativa, individuando le caratteristiche del percorso di laurea utile per acquisire le competenze indicate dal profilo medesimo e il relativo titolo accademico. La fase di istituzione del corso di laurea richiederà più tempo rispetto all’individuazione del profilo professionale.
Individuato il percorso formativo con il procedimento sopra delineato, il Ministero della Salute avvierà la valutazione del curriculum formativo e professionale degli attuali osteopati (diplomati dunque prima della
piena applicazione della legge 3/2018), ai fini di individuare i requisiti necessari a questi ultimi per proseguire nell’esercizio della professione.
Per tale ragione, in base alle leggi attualmente vigenti, non sarà discriminante l’esibizione di titoli di studio conseguiti in Italia presso scuole collegate con istituzioni universitarie straniere.
Ciò che è emerso nel corso dei nostri colloqui e che i nostri interlocutori istituzionali hanno ripetutamente sottolineato, è che il testo della legge 3/2018 è molto essenziale e rimanda ai decreti attuativi i principi e i contenuti della sua applicazione; pertanto qualunque interpretazione sull’assetto futuro, allo stato, è destituita di qualunque attendibilità.
Come abbiamo fatto fino a ora, seguiremo con attenzione tutto l’iter, lavorando perché la professione venga valorizzata e i professionisti siano tutelati. Vi terremo aggiornati qualora ci fossero delle indicazioni specifiche da seguire o delle novità sul percorso.

Un caro saluto

Paola Sciomachen con tutto il Direttivo ROI

 

Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI Lettera del Presidente ROI